Canali d'accesso. Menu Canali d'accesso terminato.

Cerca



Sei in: Home » Enti pubblici » Scheda ente » Pagina web

TERRITORIO

Enti pubblici presenti sul territorio


 
COMUNE DI AUSONIA
 
Sede legale: Piazza Municipio n. n. 1, 03040 Delegazione, Via Umberto I Ausonia (FR)
Tel.: 0776.952021
 
Fax: 0776.953014
 
Note della sede legale: Medaglia d'argento al merito civile.

www.museodellapietra.it

Il Santuario della Madonna del Piano

9369.jpgIl Santuario della Madonna del Piano, conosciuto anche come Santuario delle Fratte,  è un edificio del XV secolo la cui cripta custodisce  un ciclo di affreschi di epoca benedettina. Il ciclo pittorico, di notevole importanza artistica, presenta una forte connotazione teologica e racchiude in sé l’origine della stessa costruzione e della forte devozione popolare.

Secondo la tradizione locale, il Santuario della Madonna del Piano (o delle Fratte), fu eretto nel sec. XV in onore dell'apparizione, il 23 aprile 1100, della Madonna alla pastorella Remigarda, testimoniata da affreschi al suo interno che raccontano il miracolo. Si racconta che dal paese di Castro dei Volsci, la statua lignea della Madonna, giunse miracolosamente in località S. Antonio di Castelnuovo Parano. E' in quel punto che oggi sorge una cappella, luogo di incontro dei pellegrini che, ogni tre anni, per devozione, i castrensi arrivano a piedi ed incontrano i fedeli dei comuni di Ausonia, Coreno Ausonio, Castelnuovo Parano ed Esperia e si dirigono in processione verso il Santuario della Madonna del Piano. L'evento si svolge ogni tre anni come tre furono i tentativi dei castrensi di riprendersi la statua lignea e puntualmente veniva ritrovata nel santuario.

La chiesa si presenta in tutta la sua maestosità, con due imponenti battenti in legno del Settecento, riccamente decorati a rilievo, e la sagrestia, che presenta un eccezionale pavimento a maiolica napoletana del 1700. 

Il Santuario è uno dei tre più venerati Santuari Mariani del basso Lazio. Situato nell'Arcidiocesi di Gaeta raccoglie la devozione di pellegrini anche dalla vicina Campania.