Canali d'accesso. Menu Canali d'accesso terminato.

Cerca



Sei in: Home » Enti pubblici » Scheda ente » Pagina web

TERRITORIO

Enti pubblici presenti sul territorio


 
COMUNE DI CONFIGNI
 
Sede legale: Piazza Vittorio Emanuele II n. 1, 02040 Configni (RI)
Tel.: 0746672208
 
Fax: 0746672331
 
Note della sede legale: dal Lun al Ven 8:30 13:30
Mart - Giov 16:30 17:30

La Storia

351.jpgConfigni ha una storia lunga ed affascinante. Come suggerito dal nome, Configni è stato per secoli il confine tra il territorio del Ducato di Spoleto, longobardo, ed il Patrimonio di S. Pietro, di pertinenza della Santa Sede.

Per secoli quel confine ha rappresentato il passaggio obbligato per chiunque avesse voluto raggiungere Roma partendo da Terni, attraverso la Sabina. Per la sua particolare ubicazione, la zona è quindi stata un punto di transito frequentatissimo dalle truppe armate dirette dal Nord verso Roma: legioni romane, barbari, saraceni, mercenari a servizio dei signori medioevali, fino ad arrivare alle truppe napoleoniche ed a quelle garibaldine. La prima testimonianza scritta della storia di Cofigni è contenuta in documento redatto nel maggro 856, attestante l’avvenuta donazione di questi territori all’appena ricostituita Diocesi di Terni, da parte di Papa Benedetto III. L’esistenza di un Castrum in Loci Confìnei è confermata da un documento farfense del 1207, dove si attesta la donazione dello stesso all’Abbazia di Farfa da parte di Susanna, nobile longobarda e moglie del conte Ottone. La storia di Configni , a partire dal XIII secolo, è strettamente collegata a quella della vicina Narni, con cui condivise le aspre lotte di quegli anni contro le ingerenze e le tassazioni imposte dal Soglio Pontificio. Vicende successive portarono Configni sotto la dominazione degli Orsini (XVI secolo) fino a quando, nel Settecento, Papa Clemente XI non ne decretò la sottomissione al Ducato di Spoleto. Il nome dl Configni è ricordato nella storia anche per la sosta  effettuatovi da Giuseppe Garibaldi nel 1849 e per essere stato teatro delle operazioni militari del battaglione Bersaglieri al seguito del Maggiore Gela nell’anno in cui fu decretata l’Unità d’Italia (1870). Dell’antico impianto architettonico sono ancora visibili i resti di due rocche di modeste dimensioni che ricordano l’antico impianto castellano, nonché alcune tracce delle antiche mura che risalgono all’epoca medioevale.

Attualmente Configni è l'ultimo Comune della regione Lazio e della provincia di Rieti in prossimità della regione Umbria e della provincia di Terni. 

 

Galleria fotografica

NB: Clicca su una fotografia per visualizzarla in dimensioni reali.