Canali d'accesso. Menu Canali d'accesso terminato.

Cerca



Sei in: Home » Punti d'interesse » Scheda punti d'interesse » Pagina web

TURISMO

Punti d'interesse presenti nel territorio


 
VIA FRANCIGENA DEL SUD
 
Categoria: Turismo religioso » Le vie

Località interessate

Provincia di Roma visualizza / nascondi tutte le località
Carpineto Romano
Provincia di Latina visualizza / nascondi tutte le località
Castelforte, Gaeta, Spigno Saturnia, Terracina, Monte San Biagio, Itri, Formia, Minturno, Santi Cosma e Damiano, Lenola, Campodimele
Provincia di Frosinone visualizza / nascondi tutte le località
Villa Santa Lucia, Vallemaio, Sant'Apollinare, Sant'Andrea del Garigliano, Sant'Ambrogio sul Garigliano, San Giorgio a Liri, Piedimonte San Germano, Esperia, Coreno Ausonio, Cassino, Ausonia, Aquino, Castelnuovo Parano

Percorso Spigno Saturnia - Minturno - SS.Cosma e Damiano - Castelforte

9835.jpgIl cammino segue la direttrice della via Appia Antica, ossia quella via che anticamente è stata percorsa da migliaia di persone e che era la principale via di scambio culturale economico e di comunicazione per il paese.
Il tratto occidentale della via Francigena, quello a sud di Roma ovvero quello che interessa la provincia di Latina è probabilmente poco noto. E’ questa una via ricca di testimonianze archeologiche, antiche chiese, parchi e splendidi paesaggi che vanno dalla montagna al mare. Questo tracciato oggi giorno attraversa centri abitati ma tocca anche tratti di sentieri antichi che sono stati recuperati, puliti e dotati di segnali.

Il tracciato odierno della Via Francigena rispecchia quello medievale, toccando i medesimi centri abitati. Basta fare pochi passi per ritrovarsi in aperta campagna, oppure imboccare deviazioni di qualche chilometro per salire in montagna (SS.Cosma e Damiano, Spigno Saturnia; Castelforte) o, procedendo nella direzione opposta, affacciarsi sul mare (Minturno).
Data la sua vicinanza con i confini campani, Suio di Castelforte potrebbe definirsi la porta di ingresso della Via Francigena Laziale. Infatti per i pellegrini diretti a Roma era fondamentale l’attraversamento del Garigliano presso la Scafa di Suio.

Sulla cartina  in rosso il tracciato studiato.